venerdì, febbraio 08, 2008

L'unione europea indaga su Microsoft e OOXML

Chi l'avrebbe mai detto...... ieri sul WALL STREE JOURNAL c'era un interessate articolo dove si parlava della UE e di una indagine su Microsoft.
http://online.wsj.com/article/SB120242867034452081.html?mod=todays_europe_page_one

Per i piu' distratti Microsft ha appena perso una causa, giusto giusto partita da una indagine della UE :
http://www.businessonline.it/news/4997/microsoft-accordo-unione-europea-accordo.html
accluso all'articolo c'e' anche una breve cronistoria dei processi

La nuova indagine ha come tema OOXML. Presso l'antitrust europeo pare che si stiano chiedendo come mai ci sia stata una mobilitazione di persone iscrittesi ai vari organi nazionali che esprimono un parere per le nazioni che votano in ISO.

In ISO si sta da tempo valutanto uno standard proposto da ECMA, OOXML (formato documentale ideato da Microsoft).

OOXML e' uno standard ECMA e l'ECMA per chi non lo sapesse e' un organismo privato di standardizzazione (che ha semplicemente adottato OOXML da Microsoft cosi' com'era).
A seguito di questo atto, l'ECMA ha poi proposto una procedura di FastTrack per adottare OOXML in ISO.

C'e' qualche problema in merito:
  1. Questa proposta di standard va in conflitto con altri standard ISO, come lo standard ISO 8601 (Rappresentazione di date e orari), lo standard ISO 693 (Codici per la rappresentazione di nomi e lingue) e lo standard ISO/IEC 10118-3 (Hash crittografici);
  2. È presente un bug nel formato del foglio di calcolo che impedisce l'uso di date antecedenti il 1900: tale bug è presente nella specifica OOXML quanto in Microsoft Excel nelle versioni 2000, XP, 2003 e 2007;

Da quando OOXML e' in corso di valutazione, molte nazioni hanno deciso improvvisamente di votare in ISO (anche se fino al giorno prima, ma soprattutto anche il giorno dopo, non hanno mai votato null'altro). A questo si e' aggiunta un'altra stranezza: le commissioni nazionali che esprimono un voto per le singole nazioni in ISO, hanno visto a loro volta aumentare il numero di membri.

Si vocifera da tempo che in varie nazioni l'80% dei nuovi membri siano aziende legate a Microsoft (gli studi legali di microsoft, i pubblicitari di microsoft, i partner di microsoft, etc), che hanno sentito un interesse improvviso per gli standard nazionali.

Probabilmente l'unione europea vuole sapere che intenzioni hanno :o)

Nessun commento: