lunedì, novembre 13, 2006

Java GNU GPL 2.0

Sun ha aperto ufficialmente il progetto OpenJdk http://openjdk.dev.java.net/

In sostanza java sara' disponibile anche in licenza GNU GPL 2.0, sostenuto da SUN e quindi pronto ad una presenza ancor piu' massiccia nelle distribuzioni Linux, portando con se anche tutto il free software sviluppato in java, progetti in licenza GNU GPL 2.0 che ora non soffrono piu' del problema della java-trap

Questa svolta nell'ambito del Free Software, potrebbe portare parecchi problemi a Microsoft con la sua piattaforma .Net che non decolla, sminuendo anche i recenti accordi con Novell per Mono (versione libera di .Net per Linux e Windows).

Gia' oggi vi e' una considerevole percentuale di progetti in licenza GNU GPL 2.0 scritti in Java, funzionanti su Windows, Linux, MacOsX, Solaris e Bsd, oggi questa svolta rischia di rendere l'OpenJDK la piattaforma di riferimento per lo sviluppo del Free Software

mercoledì, novembre 08, 2006

ICT LAW INTERNATIONAL CONFERENCE - Roma 16-18/11/2006

giusto un forward del meeting visto che sara tra 10 giorni
-----------------------------------------------------------------------------
CENTRO STUDI DI INFORMATICA GIURIDICA

INTERNATIONAL CRIME ANALYSIS ASSOCIATION

OSSERVATORIO NAZIONALE PERMANENTE SULLA SICUREZZA

OSSERVATORI CSIG D'ITALIA

Con il patrocinio del:

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE

Promuovono:

ICT LAW INTERNATIONAL CONFERENCE – ROME 2006
16 – 18 novembre 2006

Programma:

Giovedì 16 novembre ore 10,00

Cerimonia di inaugurazione:

Avv. Massimo Melica
Presidente Centro Studi di Informatica Giuridica

Dott. Marco Strano
Presidente International Crime Analysis Association

Prof. Luigi Nicolais
Ministro per Innovazione e riforme nella Pubblica Amministrazione

Avv. Antonio De Michele
Componente Consiglio Nazionale Forense

Dott. Claudia Benedetti
Osservatorio Nazionale Permanente sulla Sicurezza

Relazione:
Prof. Francesco Pizzetti
Presidente Autorità garante per la protezione dei dati personali
"Le nuove tecnologie e la protezione dei dati personali"

Ore 13,00 dibattito

Ore 13,30 pausa lavori

Ore 15,00 sessione pomeridiana

Tavola rotonda sul tema:
La proprietà intellettuale nella Società dell'Informazione: tutele e
libertà
a confronto

Modera
Avv. Deborah DeAngelis
Foro di Roma

Dott. Giuseppe Corasaniti
Magistrato
Presidente del Comitato Consultivo Permanente sul diritto d'autore

Avv. Rosa Ierardi
Foro di Roma
Consigliere dell'Ordine degli Avvocati di Roma
Presidente Associazione Giuristi Romani

Dott. Manlio Mallia
Funzionario SIAE

Prof. Giovanni Ziccardi
Università di Milano

Avv. Giorgio Spedicato
Cirsfid Bologna

Dott. Andrea Glorioso
CNR Torino

Ore 17,30 dibattito e conclusione a cura del Direttore
dell'Osservatorio CSIG Firenze, Avv. Barbara Gualtieri

Ore 18,30 chiusura lavori

Venerdì 17 novembre ore 10,00

La comunicazione elettronica per la semplificazione dei procedimenti

Sen. Alberto Maritati
Sottosegretario Ministero della Giustizia con delega all'informatica

Dott. Sergio Brescia
Direttore Generale dei Sistemi Informativi Automatizzati
Ministero della Giustizia

Dott. Carlo Notarmuzi
Presidenza del Consiglio dei Ministri
Dipartimento Innovazione e Tecnologie

Stefano Arbia
CNIPA

Ing. Andrea Valle
Adobe Italia

Ore 13,00 dibattito e conclusione a cura
del Direttore dell'Osservatorio CSIG Taranto, Avv. Giuseppe Sidella
e del Vice Direttore dell'Osservatorio CSIG Milano Ing. Massimiliano
Redolfi

Ore 13,30 pausa lavori

Ore 15,00 sessione pomeridiana

La sicurezza informatica e il diritto

Dott. Stefano Pasquini
Direttore Ufficio internet della Santa Sede

Maurizio La Puca
Direttore dei Sistemi Informativi e Responsabile per la Sicurezza
Informatica dell'Accademia Navale di Livorno

Michele Bianco
Security Competence Center & CE.VA Director Bull Italia S.p.A.

Vito Divincenzo
Sophos Italia S.p.A.

Ore 18,30 dibattito e conclusione a cura del Direttore
dell'Osservatorio CSIG Teramo, Avv. Gianluca Pomante

Sabato 18 novembre ore 09,30

La computer forensics aspetti tecnici e investigativi a confronto

Marco Strano
Presidente ICAA
"Crackers criminal profiling"

Marco Mattiucci
Ufficiale Carabinieri RIS sezione telematica, Roma
"Smartphone forensic"

Amir Sadeh
Technical Direttor McAfee-Onigma
"Il sistema di tracciamento ONIGMA per le investigazioni sugli attacchi
inside"

Nicolas DUVINAGE
Head of Information technology forensics department (INL)
Forensic Research Institute (IRCGN) Gendarmerie Nationale
"Case study"

Massimino Boccardi
Ricercatore informatico ICAA
"Portable forensic workstation: una soluzione operativa per le
investigazioni sul computer crime"

Ore 13,00 dibattito

Ore 13,30 pausa lavori

Ore 15,00 sessione pomeridiana

Federico De Marco
Ricercatore informatico ICAA
Mobile forensic LAB: veicolo attrezzato ICAA per il computer forensic"

Silke Terodde
Dipartimento di tecnologie forensi
Bundeskriminalamt (BKA) Germany
"Strategie nelle indagini ad alta tecnologia"

Roberta Bruzzone
Psicologa e Criminologa V.P. ICAA
"Inside attack database: criminal profiling degli attacchi inside"

Gianfranco Gargiulo
Ricercatore informatico ICAA
"Network forensic"

Emanuele Florindi
Ricercatore informatico ICAA
"Anonimizzazione e investigazione su internet"

Bruno Fiammella
Responsabile ICAA Reggio Calabria
"Problematiche giuridiche in tema di computer forensic"

Ore 17,00 conclusioni e consegna attestati
Avv. Massimo Melica e Dott. Marco Strano

Nel corso dei lavori saranno effettuate delle esercitazioni di computer
forensics

SEDE
Centro congressi Abitart
Via Pellegrino Matteucci 10 – ROMA

Partners della Ict Law International Conference:

ADOBE Italia

McAfee Italia

SOPHOS Italia

ALPHA SISTEMI

martedì, novembre 07, 2006

Software "codice a barre" / Nota iscrizione a ruolo

Hello, hello, hello

finalmente dopo aver riconfigurato Blogger, che ora accetta i domini .EU ho traslocato sul nuovo sito dedicato unicamente al BLOG.

Colgo l'occasione per quattro chiacchere sul sw "codice a barre" che si occupa della nota di iscrizione a ruolo. Il software "originale" e' disponibile sul sito del Ministero di Giustizia.

Il software in questione ha varie caratteristiche interessanti : e' scritto in Java, testato su Win e Mac, ma non su Linux, e' sprovvisto di LICENZA e di SORGENTI.

Quale importanza hanon LICENZA e SORGENTI?
Dopotutto mi direte che se funziona che problema c'e' di una LICENZA e di averne i SORGENTI?

In realta' la questione e' presto risolta, cambiato nr 3, TRE, T-R-E, righe di software il programma sembra funzionare perfettamente su Linux. Il che pero' non e' ne realmente fattibile ne certificabile : in assenza di licenza e di sorgente orginale del software questo e' attestabile solo da verifiche "esterne" sul programma.

Questo tipo di operazioni non pesa sul Ministero, che definendo la licenze se ne laverebbe le mani e permetterebbe a terzi di occuparsene.

Ma questo e' solo il primo aspetto del problema, un aspetto pratico e concreto.
Altri aspetti concreti sono il riutilizzo del programma come dovrebbero ben aver stabilito le direttive del CNIPA, per la pubblica amministrazione.

Il software e' spesso considerato un bene intangibile, ma come per un bene come un'automobile, la pianificaizone e realizzazione richiedono tempo e denaro ingenti. Se ogn'uno si fa la sua a casa, i costi si moltiplicano, se al contrario le parti comuni come i fari vengono riusate per altri mezzi, i costi si riducono.

Il ministero che non gode di fondi illimitati ha pagato pianificazione e realizzazione di un programma, che ora e' suo, a suo solo uso e consumo, la fornitura dei sorgenti richiede circa 6 secondi per "zipparli" ed altri 28 circa per pubblicarli. Da li in poi ogni cittadino italiano avrebbe a disposizione per studio, modifica o quan'altro un bene che e' gia' stato PAGATO.

Da li poi nasce anche un problema di correttezza : il software fa uso delle librerie open source del progetto apache per vari aspetti della gestione del programma, librerire "smontate" e ripacchettizate nel programma del ministero, senza neanche 2 righe in merito alla licenza originale di queste.

In quanto agli aspetti meno tangibili ma non meno importanti, l'idea dello <spreco> alla base del principio che il ministero compri qualcosa che rimarra' in vita finche gli serve, e <morira> quando non serve piu' a lui e' un'idea lecita e certamente diffusa in molti ministeri : certo non sempra particolarmente sensata. Il software sara' anche un bene intangibile, ma il denaro speso per pagarlo non lo e'.

lunedì, novembre 06, 2006

Milano chiama Boston

Il Tavolo Regionale
POLITICA DEL SOFTWARE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

PRESENTA

MILANO CHIAMA BOSTON
Esperienze di migrazione ai formati aperti


Giovedi´ 9 novembre ore 9.30
Sala Assemblee Banca Intesa - Piazza Belgioioso 1 - Milano

Saluti Iniziali

  • Guido Pollice, Presidente nazionale Vas
  • Carlo Saffioti, Presidente della IV Commissione Attività produttive del Consiglio Regionale della Lombardia

La notizia completa sul sito http://politicadelsoftware.openlabs.it/

Leon Shiman, consulente in materia dello Stato del Massachusetts, interverrà insieme ad alcuni rappresentanti del “Tavolo” e della Regione Lombardia per confrontarsi su questi temi.

venerdì, novembre 03, 2006

Microsoft Italia : tutti a casa oggi?

Giornata campale per il Free Software, Microsoft USA ha infatti fatto un RETROFRONT totale, sul tema Floss: in un accordo con Novell su Suse Linux, ed altro software per lo piu' distribuito con licenza GNU GPL, accordo votato all'investimento su questi applicativi e sull'interoperabilita' con windows.

Che dicono in Microsoft Italia ora?

Sconfessati su tutto il piano industriale, Microsoft Italia, un'azienda certamente piu' che significativa in Italia, si trova SOLA a vivere la sua posizione distante dal Floss, ora che non e' rimasto PIU' NESSUNO a sostenere quelle "particolari" idee sulla licenza GNU GPL "pericolo per tutti" e su linux che "non ha futuro".

Ad oggi nessun comunicato ufficiale, nessuna nota, neanche due righe.....
e' una cosa alquanto strana, che ha lasciato la comunita' del free software molto sorpresa.

Sara' interessante nei prossimi giorni seguire le vicende dell'attuale amministratore delegato e sapere se Microsoft Italia si adeguera' alla sede centrale o intende continuare in una strada che ormai non e' piu' seguita da NESSUNO.

Questa e' la sezione dei comunicati stampa : qui si parla solo di Vista
http://www.microsoft.com/italy/stampa/default.mspx

A meno che l'addetto stampa di Microsoft Italia non sia a terra svenuto, saputa la notizia da Microsoft USA, l'assenza di riferimenti sul sito Italiano e' quel tipo di silenzio RUMOROSO, che fa veramente MOLTO RUMORE.

Microsoft Linux 1.0

http://www.microsoft.com/presspass/default.mspx

Mah, c'e' poco da dire in proposito : Microsoft ne ha dette di tutti i colori sull'open source, poi sono passati agli insulti pesanti, quindi ritornati sui propri passi con licenze e progetti in simil open source, sono quindi nate partnership con Zend, JBoss e quan'altri ed oggi la barzelletta del secolo, entrano su linux direttamente grazie alla partnership con Novell che detiene la distro di Suse.

Il link con cui si apre questa breve nota e' molto "banale" : accordo stretto tra Novell e Microsoft sull'interoperabilita' linux.

Tra un po pretenderanno di ottenere il sito www.mslinux.org, in quanto loro prodotto......